Categorie
Igiene

Igiene orale? Con il Bambù!

Esempi di utilizzo per l’igiene con il Bamboo

Lo scopo principe di questo Blog sul Bamboo Gigante è divulgare i suoi usi nella vita quotidiana. Ricordo che questo tipo di pianta è di fatto un arbusto, quindi se viene tagliata alla base, non muore come un normale albero, ma si rigenera da sola diventando più forte! Quindi se tagliamo alla base dieci pini, dobbiamo ri-piantarli ed aspettare decenni prima che diventino grandi e robusti, mentre al bambù basta un tempo veramente minore!

Tornando al titolo; ognuno di noi, ovviamente, usa spazzolini da denti. Il problema, però, è che sono completamente di plastica e vengono gettati nell’indifferenziato e bruciati, producendo scarti dannosi e non riciclabili.

Allora perchè non fare spazzolini da denti in bambù? Usando il Bamboo gigante Moso, una volta che lo si cambia, lo si può mettere nell’organico quasi intero e diventa concime, ovviamente green, dato che è legno! Si possono trovare tranquillamente negli store online, ma se ne trovano ancora pochi e le spatoline sono ancora in nylon, quindi plastica, ma è già un enorme passo avanti!

Il legno di bambù per gli spazzolini rimane igienico quanto la plastica, perchè non assorbe come altri tipi di legno, quindi l’igiene rimane intatta. Sono estremamente convinto che le spatole, ad ora l’unica parte rimasta in plastica, presto potrà essere convertita anch’essa in bamboo, rendendo lo spazzolino 100% compost naturale e quindi Green. La mia convinzione deriva dal fatto che ci sono già piccole aziende che oltre a fabbricare spazzolini per lavarsi i denti, producono e vendono anche il filo interdentale con il filo di bambù! una genialata green!

Ovviamente si possono usare anche custodie, sempre in Bamboo, che lo racchiudono completamente, ma anche bicchieri contenitori porta spazzolino.

La linea igiene, oltre a quella orale fatta dai spazzolini ed i suoi accessori ed il filo interdentale, prevede anche i bastoncini per per le orecchie: il cotone può essere quello bio, e il bastoncino vero e proprio è di bamboo Moso, cosi lo può gettare nell’umido e torna alla natura senza inquinamento, anzi ridando al terreno quello che “ha sottratto”!

Se siete viaggiatori, ok questo periodo non è ancora dei migliori ma contiamo sulla normalità a breve, potrete cercare anche borse in bamboo dove contenere tutti i vostri beni ecologici. Così saranno tutti in bambù e sarete davvero green!

Vi starete chiedendo come si possano fare delle borse di tessuto, morbide e comode; bene, il discorso non è molto diverso dal filo interdentale in bamboo: si può fare un bel filato, con il quale si producono borse (altro che plasticaccia o mater-bi che si distruggono subito e puzza!) e vestiti. Ma questo è un altro discorso e ne parleremo più avanti.

Continuate a seguirmi sia qui sia su facebook alla pagina @thebigbamboomoso

A Presto!

Categorie
Presentazione

Introduzione a The Big Bamboo

Il blog di un appassionato del Bambù Gigante Moso e di tutti i suoi utilizzi, sempre Green, che salvano il clima ed il Pianeta Terra.U

Un carissimo saluto da questo blog a tutti i lettori e a tutte le lettrici!

Il blog The Big Bamboo nasce poco dopo l’inizio della mia passione per il Bambù Gigante Moso, scoperto di recente grazie alla rivista Millionaire che ho iniziato a comprare a settembre 2019 per avere spunti e consigli per un’attività completamente diversa.

Ad essere sinceri non ho scoperto il Bambù grazie al mensile, ma ho iniziato ad approfondire questa pianta ed i suoi più di centocinquanta usi (si, avete letto bene: 150 usi diversi!): edilizia, oggettistica, cibo, vestiti e tantissimi altri ancora.

La tipologia maggiormente usata è denominata Moso, veramente molto versatile, durevole ed ECO-SOSTENIBILE. Cresce infatti molto in fretta e NON ha bisogno di pesticidi chimici o altre sostanze nocive per l’ambiente per svilupparsi!

Inoltre questa pianta assorbe sette volte l’anidride carbonica in più rispetto alle piante che normalmente si trovano qui da noi! Oltre a ciò, ed è di assoluta importanza, una volta tagliato alla base non muore come una normale pianta (pino, abete, noce…) ma ricresce più forte di prima! Solo questi due dati possono far pensare: se taglio un pino, per averne un altro uguale devo ripiantarlo ed aspettare decenni per averne un altro uguale, mentre per il bambù serve decisamente molto ma molto meno! Col Bambù si possono anche fare dei filati per i vestiti; sapete che l’industria della moda è seconda solo a quella petrolifera per inquinamento? Ecco, con questo filato derivato da una pianta così si può ammortizzare questo danno davvero enorme! Si può produrre ance BIOPLASTICA veramente efficiente ed anche il problema della plastica negli oceani avrebbe un bel colpo al ribasso.

Quindi, concludendo questo breve articolo di presentazione, il Bambù è una validissima soluzione al clima impazzito ed all’inquinamento dell’aria, della terra e dei mari!

Ora ho iniziato a creare questo Blog nei ritagli di tempo, quindi per i primi tempi sarà molto scarno e gli articoli non avranno una cadenza precisa, ma col tempo, prometto poco!, il sito sarà decisamente migliorato e sviluppato a dovere e cercherò di toccare tutte le possibilità di utilizzo, ma anche di parlare della pianta e dei Bambuseti, ovvero le foreste (che, ricordo, assorbono sette volte tanto l’anidride carbonica e non hanno assolutamente bisogno di prodotti inquinanti per crescere).

Ultimissima cosa; non è assolutamente polemica ma dopo le parole devono arrivare i fatti. Non è affatto polemica, anzi!, ma un suggerimento e la mia voglia di fare, al meglio possibile. Greta Thunberg ha avuto la volontà e sicuramente l’appoggio per i #fridayforfuture ed il #climatestrike . Però bisogna anche agire, e parlare anche nelle sedi giuste nel modo giusto. Greta ha sottolineato e sta sottolineando un immenso problema, anche ovvio per chi ha voglia di ragionare almeno un po’, ma di soluzioni non ne ho sentite molte. Il Bambù Gigante è una soluzione veramente molto valida.

Grazie per avermi letto e spero che condividiate l’articolo e la pagina Facebook il più possibile, io intanto continuo a studiare e a scrivere più articoli possibile, cercando di portare avanti un’idea ottima e proponendo più soluzioni possibili.