Categorie
Presentazione

Introduzione a The Big Bamboo

Il blog di un appassionato del Bambù Gigante Moso e di tutti i suoi utilizzi, sempre Green, che salvano il clima ed il Pianeta Terra.U

Un carissimo saluto da questo blog a tutti i lettori e a tutte le lettrici!

Il blog The Big Bamboo nasce poco dopo l’inizio della mia passione per il Bambù Gigante Moso, scoperto di recente grazie alla rivista Millionaire che ho iniziato a comprare a settembre 2019 per avere spunti e consigli per un’attività completamente diversa.

Ad essere sinceri non ho scoperto il Bambù grazie al mensile, ma ho iniziato ad approfondire questa pianta ed i suoi più di centocinquanta usi (si, avete letto bene: 150 usi diversi!): edilizia, oggettistica, cibo, vestiti e tantissimi altri ancora.

La tipologia maggiormente usata è denominata Moso, veramente molto versatile, durevole ed ECO-SOSTENIBILE. Cresce infatti molto in fretta e NON ha bisogno di pesticidi chimici o altre sostanze nocive per l’ambiente per svilupparsi!

Inoltre questa pianta assorbe sette volte l’anidride carbonica in più rispetto alle piante che normalmente si trovano qui da noi! Oltre a ciò, ed è di assoluta importanza, una volta tagliato alla base non muore come una normale pianta (pino, abete, noce…) ma ricresce più forte di prima! Solo questi due dati possono far pensare: se taglio un pino, per averne un altro uguale devo ripiantarlo ed aspettare decenni per averne un altro uguale, mentre per il bambù serve decisamente molto ma molto meno! Col Bambù si possono anche fare dei filati per i vestiti; sapete che l’industria della moda è seconda solo a quella petrolifera per inquinamento? Ecco, con questo filato derivato da una pianta così si può ammortizzare questo danno davvero enorme! Si può produrre ance BIOPLASTICA veramente efficiente ed anche il problema della plastica negli oceani avrebbe un bel colpo al ribasso.

Quindi, concludendo questo breve articolo di presentazione, il Bambù è una validissima soluzione al clima impazzito ed all’inquinamento dell’aria, della terra e dei mari!

Ora ho iniziato a creare questo Blog nei ritagli di tempo, quindi per i primi tempi sarà molto scarno e gli articoli non avranno una cadenza precisa, ma col tempo, prometto poco!, il sito sarà decisamente migliorato e sviluppato a dovere e cercherò di toccare tutte le possibilità di utilizzo, ma anche di parlare della pianta e dei Bambuseti, ovvero le foreste (che, ricordo, assorbono sette volte tanto l’anidride carbonica e non hanno assolutamente bisogno di prodotti inquinanti per crescere).

Ultimissima cosa; non è assolutamente polemica ma dopo le parole devono arrivare i fatti. Non è affatto polemica, anzi!, ma un suggerimento e la mia voglia di fare, al meglio possibile. Greta Thunberg ha avuto la volontà e sicuramente l’appoggio per i #fridayforfuture ed il #climatestrike . Però bisogna anche agire, e parlare anche nelle sedi giuste nel modo giusto. Greta ha sottolineato e sta sottolineando un immenso problema, anche ovvio per chi ha voglia di ragionare almeno un po’, ma di soluzioni non ne ho sentite molte. Il Bambù Gigante è una soluzione veramente molto valida.

Grazie per avermi letto e spero che condividiate l’articolo e la pagina Facebook il più possibile, io intanto continuo a studiare e a scrivere più articoli possibile, cercando di portare avanti un’idea ottima e proponendo più soluzioni possibili.





4 risposte su “Introduzione a The Big Bamboo”

Grazie! E benvenuto!
Sei il primo utente che commenta, non mi dimenticherò facilmente di questo gesto gentilissimo!
Continua a seguirmi, che questo è solo un primo approccio, nei prossimi giorni miglriorerò il sito e pubblicherò altro.

Bravo, io è piu di un un’anno che cerco di convincere mio marito ad investire sul bambù gigante non solo per il business, ma soprattutto per il problema ambientale

Grazie a te!
Allora seguimi, che in questi giorni finalmente riprendo in mano per bene il sito e riprendo gli aggiornamenti e gli sviluppi!
Ci sono centinaia (letteralmente!) di motivi per cui il bambù è LA scelta!

Rispondi a Giovanni Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *